Skip to main content
Pesce
pesce
Moretta
moretta
Vino
vino
Tartufo
tartufo
Olio di Cartoceto
Olio di Cartoceto
Formaggio
Formaggio

pesce

Fano, Torrette, Marotta: questi luoghi racchiudono in circa venti chilometri di costa i segreti e i profumi del mare e hanno sviluppato nel tempo una ricca cultura culinaria fatta di prodotti ittici trasformati, dalle mani sapienti di cuochi e semplici buongustai, in veri capolavori dell'arte della buona tavola.
Il mare Adriatico è uno dei più ricchi di pesce, di storia e di cultura e i marinai che ne hanno solcato le acque hanno saputo far tesoro delle opportunità nascoste nei suoi fondali. Non è un caso che il pesce sia l'elemento dominante nelle tradizioni gastronomiche della provincia e che centinaia di ristoranti ne ripropongano le infinite possibilità di degustazione. Brodetti alla marinara, frutti di mare succulenti (vongole e mitili soprattutto, ma anche lumachine e 'garagoi'), seppie e trufelli, merluzzi e sgombri, sogliole adriatiche e cannocchie, pesce in padella, alla griglia, al cartoccio, in crosta e persino al sale: sono tante le specialità marinare, tutte da accompagnare con il gentile ma deciso vino Bianchello del Metauro.
Se il pesce è la vostra passione, Fano e la riviera Adriatica sapranno come accontentarvi, se non vi siete ancora abbandonati ai piaceri del mare, preparatevi ad un emozionante incontro con la massima esaltazione del gusto.

'Rustita' di pesce

Ingredienti:
Pesce fresco a piacere
Pan grattato (due etti per ogni chilo di pesce pulito)
Sale
Pepe
Olio
Prezzemolo
Aglio
Limone
arancio

Come si prepara:

Pulire accuratamente il pesce, privandolo delle interiora e lavandolo in abbondante acqua salata. Asciugarlo con un panno da cucina. A parte, preparare in un tegame un condimento di pangrattato, sale, pepe, prezzemolo e aglio (avendo cura di tritare finemente questi ultimi due ingredienti). Amalgamare il pesce e il condimento facendoli "saltare" senza fuoco in un tegame. Quando sarà rimasta circa metà condimento, aggiungere un filo continuo di olio d'oliva e continuare a far "saltare" il pesce nella stessa maniera, terminando di versare il resto del condimento insieme all'olio. Il pesce così condito, è pronto per essere chiuso tra due graticole, ben unte in precedenza. Per ottenere una cottura uniforme, girare frequentemente le graticole sulla brace. La "rustita" si serve a tavola accompagnata da spicchi di limone.

Frittata di alici

Ingredienti:
500 g. di alici fresche
Limone
Sale
Pepe
Olio
Uova
Parmigiano
Origano, Aglio, Prezzemolo

Come si prepara:

Mettete le alici già private di testa e coda in un tegame e passatele in forno caldo per circa un quarto d'ora. Conditele con aglio, limone, sale e pepe, fatele raffreddare e poi spinatele. A parte sbattete le uova con sale, pepe, parmigiano grattato, origano, aglio e prezzemolo (tritare finemente questi ultimi due ingredienti). Unite le alici e il composto ottenuto in una padella contenente olio caldo. Cuocete la frittata, quindi passatela in forno per circa dieci minuti, girandola a metà cottura. Servite la frittata ancora calda.
(Variante: aspettare che la frittata si raffreddi quindi servirla sul pane in bruschetta).

Brodetto alla fanese

Come si prepara:

Il pesce (1 mazzola, 1 testa di rospo, 1 ragno paganico, 2 sogliole, 1 rombetto, 1 baraccola, 1 coda di rospo, 1 suasa e 1 boccaincava; dopo la pulizia deve pesare circa 1 chilo e 800 grammi) deve essere privato delle teste, lavato e ben pulito. In un recipiente si fanno rosolare olio d'oliva e una cipolla tritata; si versa poi il contenuto di una tazza in cui si sia fatta sciogliere poca conserva, sale e pepe in tre bicchieri d'acqua e mezzo bicchiere d'aceto. Si fa bollire finché acqua e aceto non si sono ritirati, si versano quindi le teste ed il pesce, iniziando dal più duro (le mazzole) e si fa bollire fino a cottura.

Spaghetti del marinaio

Come si preparano:

Pulite, togliete le lische e tagliate a piccoli pezzi 250 grammi di alici. A parte, pulite e fate aprire in un tegame a fuoco medio 250 grammi di cozze che poi triterete finemente, recuperando a parte la loro acqua di cottura. In un tegame con buon olio d'oliva, fate appassire una cipolla tritata, aglio, prezzemolo, due alici conservate sotto sale, capperi ed un po' di peperoncino tritato. Fate fondere piano le alici, aggiungete le alici fresche fatte a pezzettini, le cozze con la loro acqua filtrata e fate rosolare. Versate un bicchiere di vino Bianchello e sale, poi lasciate evaporare. Fate saltare nel sugo gli spaghetti scolati al dente e servite.