Skip to main content
Pesce
pesce
Moretta
moretta
Vino
vino
Tartufo
tartufo
Olio di Cartoceto
Olio di Cartoceto
Formaggio
Formaggio

tartufo

Spostatevi pochi chilometri da Fano, sulla Via Flaminia, e troverete Acqualagna, capitale del tartufo, insieme con Sant'Angelo in Vado e Pergola.
Profumo magico, quello del tartufo, perfino afrodisiaco, in ogni caso pieno di virtù culinarie e ben lo sanno i migliori gourmet che sono disposti a tutto per impossessarsi di quel divino profumo.
Nel nostro territorio sono presenti tutte e nove le specie di tartufo commercializzabili, così che in ogni mese dell'anno si può trovare il prezioso tubero sulla tavola.
Il buongustaio non mancherà, dunque, di segnare sul suo calendario che il tartufo bianco pregiato, che predilige ambienti freschi ed umidi, si raccoglie da ottobre a fine dicembre; il tartufo nero pregiato da dicembre a metà marzo; il tartufo nero d'estate o scorzone da maggio ad agosto; il tartufo nero uncinato, o scorzone invernale, da ottobre a dicembre; il bianchetto o marzuolo presente nei terreni calcarei ed argillosi, ma anche in quelli sabbiosi e salmastri, da gennaio ad aprile. Ogni tipo di tartufo ha la sua tipica espressione culinaria: su crostini, a scaglie su minestre in brodo o asciutte, sciolto su vitello, manzo o suino, grattato e sciolto in creme, il suo inconfondibile sapore ricopre un ruolo unico. Le ricette che vi suggeriamo ve ne forniranno una prova.

Frittata col tartufo


Ingredienti:
70 g. di tartufo nero dolce
4 uova
Olio d'oliva


Come si prepara:
Tagliare a fettine sottili il tartufo nero. In una pentola bassa, di ferro, versare l'olio d'oliva e portarlo in ebollizione. Versare nella pentola le fettine di tartufo e lasciarle soffriggere per pochi secondi. Aggiungere quindi le uova già precedentemente montate e mescolare con cura.
È consigliabile non lasciare che le uova cuociano molto.


Fagiano tartufato


Ingredienti:
1 fagiano
Olive nere
Tartufo
Prosciutto crudo
Burro
Brodo di carne


Come si prepara:
Ponete un fagiano ben frollato e farcito di olive nere e tartufo in una teglia con del burro fuso. Fate rosolare a fuoco lento e aggiungete a più riprese del brodo di carne. A metà cottura avvolgete il fagiano in larghe fette di prosciutto, aggiungendo ancora brodo.
Portate in tavola ancor caldo, quando il brodo sarà evaporato.



Crostini al tartufo


Come si preparano:
Abbrustolite sulla graticola delle fette di pane casereccio. Fate sciogliere in un tegamino il burro, aggiungendo brodo di carne, limone spremuto e abbondante parmigiano grattugiato. Evitando di far bollire, cuocete l'impasto aggiungendo il tartufo tagliato a fettine sottili. Dopo appena 15 -20 secondi togliete il tegame dal fuoco e versate la salsa ancora ben calda sul pane abbrustolito. Questo preparato è ottimo anche sulle cotolette fritte.

Tagliatelle al burro e tartufo


Come si preparano:
Una ricetta semplicissima e ricca di sapore: le tagliatelle scolate al dente vanno condite con del buon burro e al momento di essere servite saranno coperte da sottilissime fette di tartufo, nero o bianco.

Trota al tartufo


Come si prepara:
La trota, pulita e privata di branchie e interiora, viene amalgamata con pangrattato, prezzemolo ed aglio tritati, sale, pepe ed olio d'oliva. Prima di cuocere le trote sulla brace, si riempie la pancia del pesce con il condimento e fette di buon tartufo.