Skip to main content
giovedì, 14-06-2018 18:34

“L'anima altrove”, la mostra di Adriano Gamberini inaugura a Palazzo Bracci Pagani: 65 opere per raccontare l'essenza dell'umanità


“L'anima altrove”, la mostra di Adriano Gamberini

Inaugurerà sabato 16 giugno alle 18:30 la mostra "L'anima altrove" del fotografo Adriano Gamberini a Palazzo Bracci Pagani (Fano, corso Matteotti 97). Patrocinata dal Comune di Fano e da Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, la mostra sarà visitabile con ingresso libero fino al 15 luglio tutti i giorni, da martedì a venerdì dalle 21 a mezzanotte, e il sabato e domenica dalle 18 a mezzanotte. Nell'allestimento curato dallo stesso fotografo per gli ambienti dello Spazio Pagani e della Diana Art Gallery (all’interno dello stesso Palazzo), 65 scatti di grande intensità condurranno il pubblico in un viaggio dentro l’“essenza umana”. È nel viaggio, infatti, che per Gamberini si realizza l'incontro vero e profondo con persone, culture, luoghi e paesaggi: tutto possiede un'anima, che il fotografo sa percepire e portare alla luce, sottraendola all'immagine parziale e fugace dell'apparenza. "L'anima altrove" accompagna il visitatore in terre lontane, dentro gli sguardi magnetici di bambini in preghiera, panorami sconfinati, scene di vita quotidiana catturate nell’unicità di un momento irripetibile, calibrandone ogni dettaglio sapientemente ma con naturalezza. Non si tratta, per Gamberini, di descrivere mondi belli o diversi, facendo leva sull’esoticità o la compassione, ma di esplorare gli stati d'animo e, attraverso di essi, scoprire l'umanità, la spiritualità della vita al di là (oltre) l'immagine e l'estetica. «Le mie foto sono incontri di vita. Incontri con gli sguardi, perché gli occhi parlano più di mille parole; ma soprattutto incontri con le emozioni, davanti alle quali mi sento come "costretto" a fermare certi momenti per sempre. A volte penso di fotografare non ciò che vedo, ma ciò che provo» spiega il fotografo. E infatti l’occhio di Adriano Gamberini è il suo cuore, la mano la sua sensibilità - umana prima ancora che artistica - apprezzata anche dallo stesso Dario Fo. Fu il Maestro a definirlo un “Marco Polo” contemporaneo, “scopritore di immagini stupefacenti”, quando in occasione di una sua mostra nel 2007 volle tenerne la presentazione. L’esito di questo viaggio non è che una grande certezza: «Possiamo essere molto diversi per condizioni sociali, cultura, colore della pelle, tradizioni, religione... eppure siamo anche profondamente simili. Gioia e innocenza, amore e sofferenza, gioventù e vecchiaia, fatica e lavoro, guerra e pace sono sentimenti, valori e condizioni che mettono in risalto più le somiglianze che le differenze della grande "famiglia umana". È questo ciò che vorrei regalare ai visitatori della mostra. E ringrazio il Comune e la Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, che mi hanno dato la possibilità di esporre nella città dove vivo ormai da più di 40 anni ». Esprime grande soddisfazione il Sindaco Massimo Seri: «Per l’Amministrazione è motivo d’orgoglio esporre a Fano il lavoro di un professionista riconosciuto e stimato a livello internazionale ma che ha scelto la città come sua casa. La mostra di Adriano Gamberini dentro Palazzo Bracci Pagani va nella direzione di valorizzare costantemente l’offerta culturale e artistica della città per i suoi cittadini e per il suo turismo. Nella società di oggi, pur così assuefatta alle immagini, la fotografia di Gamberini è vera cultura, perchè ha il potere di dire qualcosa ad ognuno di noi, riesce a muoverci nel profondo, spesso commuoverci. Ha il dono della parola anche senza emettere alcun suono». «Siamo stati ben lieti di accogliere a Palazzo Bracci Pagani la mostra di Adriano Gamberini» interviene Fabio Tombari, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano. «“L’anima altrove” è una delle iniziative di punta negli appuntamenti culturali che stanno animando e animeranno un prestigioso edificio storico che come Fondazione abbiamo voluto riqualificare per farne una struttura polivalente dedicata a iniziative artistiche e scientifiche a favore del territorio e dei suoi abitanti».

 

L’ANIMA ALTROVE Mostra del fotografo Adriano Gamberini

Inaugurazione: sabato 16 giugno h. 18:30 Palazzo Bracci Pagani, c.so Matteotti 97 Fano

Apertura: 16 giugno - 15 luglio

Orario visite: mar./ven. h. 21:00 - 24:00; sab./dom. h. 18:00 - 24:00

Info: www.adrianogamberini.com | info@adrianogamberini.it | Cell: 349 8634359

 

ADRIANO GAMBERINI - BIOGRAFIA Nato a Sant'Angelo in Vado, Adriano Gamberini vive e lavora a Fano. Laureato in giurisprudenza, fotografa da anni, prediligendo il reportage. Collabora con diverse riviste nazionali e sue foto sono state scelte da Amnesty International per la realizzazione del volume “Un arcobaleno all’orizzonte” nonché per il calendario 2011 e per la tessera del 2014. Sempre nel 2014 il Musinf, Museo della Fotografia di Senigallia, ha acquisito 22 sue foto. Importante è l'incontro con il premio Nobel Dario Fo. Il Maestro stesso volle presentare la mostra fotografica di Gamberini che si tenne a Pesaro nel 2007 e rielaborò alcune foto scattate in Africa in un grande dipinto esposto poi nel 2012 a Palazzo Reale a Milano. A Stoccarda, Milano, Padova, Bologna, Ancona, Pesaro, Tolentino le sue mostre personali più importanti, nonché nel 2016 a Cagli, la città dove ha vissuto fino al 1974. Tra le sue pubblicazioni: “Natura e Figura” con presentazione di Tonino Guerra; “La Nuova Provincia bella” con presentazione di Leandro Castellani; “Altro Mondo” con presentazione di Dario Fo; “Incontri” con presentazioni di Dario Fo, Katia Migliori e Antonio Marchesi; "Cagli: storie di luce, acqua e pietra” con presentazione di Sandro Pascucci.