Skip to main content

STATI GENERALI DELLA CULTURA


STATI GENERALI DELLA CULTURA - 26 MAGGIO 2018

Stati Generali della Cultura
Stati Generali della Cultura

FANO (PU) – Sabato 26 maggio, alle ore 8,30, presso la Sala Verdi del Teatro della Fortuna, si terranno gli Stati Generali della Cultura di Fano, l'occasione per condividere lo stato dell'arte del sistema culturale fanese e per profilare strategie future. L'obiettivo ultimo è quello di inquadrare una proposta culturale coerente con una vision di sviluppo della città.

All'evento sarà presente Claudio Bocci, presidente di Federculture, l'associazione nazionale degli enti pubblici e privati, istituzioni e aziende operanti nel campo delle politiche e delle attività culturali, che afferma e sostiene il ruolo dell’impresa nella gestione dei beni e delle attività culturali come fattore di progresso e sviluppo.

Gli Stati Generali della Cultura di Fano distinguono tre specifici tematismi dell'“ambiente” culturale della città e del territorio. Ogni tematismo marca le ragioni di un confronto, segna l'argomento dei lavori da esercitare in tavoli dedicati.

intende verificare gli impatti  di natura sociale ed economica dell'attività delle maggiori istituzioni culturali fanesi e delle manifestazioni più importanti. Si tratta di esaminare i sistemi gestionali e i format organizzativi, gli asset funzionali di istituzioni e manifestazioni anche a confronto con buone prassi praticate diffusamente in Italia e all'estero.

Le nuove tecnologie servono a diffondere sapere e d'altra parte valgono come attrazione in sé. Su questo assunto occorre presentare i nuovi servizi/funzioni ICT messe in campo dal Comune di Fano per la pubblica fruizione della città e del terriotrio (specie con il progetto Flaminia Nextone – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche). Soluzioni di realtà aumentata e realtà virtuale applicati al patrimonio culturale, sistemi digitali di visita della città con sensori beacon e app collegate; strumenti di info mobilità. D'altra parte occorre perlustrare ovvero mutuare sistemi digitali di promozione culturale adottati dalle smart cities d'avanguardia in Europa.

Come comunicare una città di piccola/media grandezza con un patrimonio culturale di grande valore ma “omologo” a tante realtà nazionali e straniere: in un mercato sconfinato di destinazioni turistiche? Come selezionare i primati culturali della città? Quale identità culturale occorre comunicare? A quale target di pubblico? Con quali strumenti? Il branding della città di Fano passa dai suoi valori culturali? Attorno a queste questioni muove il confronto del tavolo titolato a Branding e comunicazione.

Ampia diffusione sarà data al calendario degli incontri dei tre tavoli di lavoro attraverso la stampa e i canali web e social dell'Assessorato Cultura e Turismo, in modo da consentire la partecipazione di quanti saranno interessati a intervenire e portare il proprio contributo alle attività.

 

 

STATI GENERALI DELLA CULTURA - CALENDARIO DEI TAVOLI DI LAVORO

FANO – Al via i lavori degli Stati Generali della Cultura di Fano che, come già anticipato, distinguono tre specifici tematismi dell'“ambiente” culturale della città e del territorio. Ogni tematismo marca le ragioni di un confronto, segna l'argomento dei lavori da esercitare in tavoli dedicati.

Questo il calendario e i temi dei tre incontri i cui risultati confluiranno nell'evento finale del 26 maggio:

Uso e fruizione del patrimonio culturale della città e del territorio: l'apporto dell'ICT

Coordina Paolo Clini

Le nuove tecnologie servono a diffondere sapere e d'altra parte valgono come attrazione in sé. Su questo assunto occorre presentare i nuovi servizi/funzioni ICT messe in campo dal Comune di Fano per la pubblica fruizione della città e del terriotrio (specie con il progetto Flaminia Nextone – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche). Soluzioni di realtà aumentata e realtà virtuale applicati al patrimonio culturale, sistemi digitali di visita della città con sensori beacon e app collegate; strumenti di info mobilità. D'altra parte occorre perlustrare ovvero mutuare sistemi digitali di promozione culturale adottati dalle smart cities d'avanguardia in Europa.

Istituzioni e eventi culturali: il bilancio sociale della cultura a Fano

Coordina Cristian Della Chiara

Si intende verificare gli impatti di natura sociale ed economica dell'attività delle maggiori istituzioni culturali fanesi e delle manifestazioni più importanti. Si tratta di esaminare i sistemi gestionali e i format organizzativi, gli asset funzionali di istituzioni e manifestazioni anche a confronto con buone prassi praticate diffusamente in Italia e all'estero.

Branding e comunicazione

Coordina Sandro Giorgetti

Come comunicare una città di piccola/media grandezza con un patrimonio culturale di grande valore ma “omologo” a tante realtà nazionali e straniere: in un mercato sconfinato di destinazioni turistiche? Come selezionare i primati culturali della città? Quale identità culturale occorre comunicare? A quale target di pubblico? Con quali strumenti? Il branding della città di Fano passa dai suoi valori culturali? Attorno a queste questioni muove il confronto del tavolo titolato a Branding e comunicazione.

Branding e comunicazione

Coordina Sandro Giorgetti

Come comunicare una città di piccola/media grandezza con un patrimonio culturale di grande valore ma “omologo” a tante realtà nazionali e straniere: in un mercato sconfinato di destinazioni turistiche? Come selezionare i primati culturali della città? Quale identità culturale occorre comunicare? A quale target di pubblico? Con quali strumenti? Il branding della città di Fano passa dai suoi valori culturali? Attorno a queste questioni muove il confronto del tavolo titolato a Branding e comunicazione.

Uso e fruizione del patrimonio culturale della città e del territorio: l'apporto dell'ICT

Coordina Paolo Clini

Le nuove tecnologie servono a diffondere sapere e d'altra parte valgono come attrazione in sé. Su questo assunto occorre presentare i nuovi servizi/funzioni ICT messe in campo dal Comune di Fano per la pubblica fruizione della città e del terriotrio (specie con il progetto Flaminia Nextone – Distretto Culturale Evoluto della Regione Marche). Soluzioni di realtà aumentata e realtà virtuale applicati al patrimonio culturale, sistemi digitali di visita della città con sensori beacon e app collegate; strumenti di info mobilità. D'altra parte occorre perlustrare ovvero mutuare sistemi digitali di promozione culturale adottati dalle smart cities d'avanguardia in Europa.

Istituzioni e eventi culturali: il bilancio sociale della cultura a Fano

Coordina Cristian Della Chiara

Si intende verificare gli impatti di natura sociale ed economica dell'attività delle maggiori istituzioni culturali fanesi e delle manifestazioni più importanti. Si tratta di esaminare i sistemi gestionali e i format organizzativi, gli asset funzionali di istituzioni e manifestazioni anche a confronto con buone prassi praticate diffusamente in Italia e all'estero.

Sarà gradita la partecipazione di quanti saranno interessati a intervenire e portare il proprio contributo alle attività, chiedendo cortesemente di confermare la propria partecipazione ai seguenti indirizzi:

cultura@comune.fano.pu.it oppure claudia.cardinali@comune.fano.pu.it.


Quanto emerso dal confronto all'interno dei tavoli tematici sarà presentato nell'incontro di sabato 26 maggio, alle ore 8,30, presso la Sala Verdi del Teatro della Fortuna, occasione per condividere lo stato dell'arte del sistema culturale fanese e per profilare strategie future. L'obiettivo ultimo è quello di inquadrare una proposta culturale coerente con una vision di sviluppo della città.


All'evento sarà presente Claudio Bocci, presidente di Federculture, l'associazione nazionale degli enti pubblici e privati, istituzioni e aziende operanti nel campo delle politiche e delle attività culturali, che afferma e sostiene il ruolo dell’impresa nella gestione dei beni e delle attività culturali come fattore di progresso e sviluppo.

Stati Generali della Cultura: primo incontro del tavolo Istituzioni e eventi culturali: il bilancio sociale della cultura a Fano.

La Sala della Concordia ha ospitato ieri, 8 maggio, il tavolo di lavoro dedicato agli impatti sociali ed economici delle istituzioni, manifestazioni, eventi culturali della città di Fano. Si è trattato del secondo dei tre tavoli di lavoro, ciascuno dedicato ad uno specifico tematismo, che compongono il processo di pubblico confronto cui si è dato il titolo di Stati Generali della Cultura. I lavori di tutti i tavoli saranno poi riferiti il 26 maggio p.v. durante l'evento che si svolgerà in Sala Verdi al Teatro della Fortuna. 

Il tavolo Istituzioni e eventi culturali: il bilancio sociale della cultura a Fano è stato moderato da Cristian Della Chiara, una competenza “terza” rispetto a tutte le istituzioni, associazioni, personalità della cultura fanese promotori delle manifestazioni della città. Ne è sortito un confronto assolutamente valido: sia sul piano della conoscenza specifica dei lavori di ciascuno e delle possibilità di definire sinergie fra soggetti e manifestazioni diverse; sia sui criteri da premiare nella definizione, promozione e in ultimo finanziamento pubblico delle manifestazioni da realizzare. 

Dentro una visione politica chiara circa lo sviluppo culturale della città, occorre premiare il carattere storico e tradizionale delle manifestazioni, quei momenti culturali che costituiscono un segno di appartenenza per la comunità fanese, ma altresì occorre conciliare le prassi canoniche di realizzazione delle manifestazioni con altre istanze richieste dalla “contemporaneità”: quali la sostenibilità economica innanzitutto, la tutela ambientale, l'occupazione. In questo senso, alcune testimonianze hanno evidenziato la necessità di individuare e promuovere  valori condivisi, per rafforzare il concetto di identità inclusiva.

Dal dibattito è emersa forte l'esigenza di fare rete, superare gli individualismi e creare un sistema che recuperi e consolidi collaborazioni e contaminazioni tra le iniziative. 

Nel prossimo incontro del tavolo, fissato a mercoledì 23 maggio, alle ore 17,30, presso la Sala della Concordia della Residenza Municipale  i partecipanti presenteranno specifiche proposte culturali misurate sui relativi impatti.

Stati Generali della Cultura: terzo tavolo di lavoro Branding e Comunicazione

E' stato un tavolo di lavoro molto partecipato quello di ieri, 9 maggio, alla Sala Ipogea della Mediateca Montanari dedicato al Branding e Comunicazione e coordinato da Sandro Giorgetti  Social Media Manager della Regione Marche. 

Questo tavolo fa parte, insieme agli altri due, tenutisi rispettivamente il 7 e 8 maggio, del processo di pubblico confronto degli Stati Generali della Cultura che si concluderà il 26 maggio p.v. durante l'evento che si svolgerà in Sala Verdi al Teatro della Fortuna. 

I lavori sono iniziati con un'introduzione sui concetti di marketing, engagement e digitale e su come sia cambiato il modo di comunicare i brand, soprattutto nella società 3.0. Oggi c'è la necessità di creare una community, un luogo di incontro che sia a disposizione dell'utente e dove egli possa raccontare le esperienza che vive. Si accorciano, così, le distanze; la qualità è indispensabile per comunicare in modo efficace e con l'aiuto della comunità locale è possibile creare un network di successo. Si è parlato, poi, dell'importanza dell'identità del brand: unica e subito identificabile.

Alla domanda: che cosa caratterizza Fano e la contraddistingue dalle altre città? E' scaturito un confronto molto stimolante e dinamico e, durante i vari interventi, si è provato a stilare un elenco di parole chiave che identificano la città, come città culturale, città romana, la città del carnevale,  del teatro e la città dei bambini e delle bambine. Ma anche una città che sa accogliere e ospitare. 

Il dibattito è continuato fino ad arrivare a parlare di city brand. Da alcuni interventi è emersa la necessita di dotare Fano di un'immagine istituzionale che la identifichi e che sia un contenitore delle sue peculiarità e dei prodotti che la caratterizzano.

I COORDINATORI DEGLI INCONTRI

A coordinare e guidare i lavori dei tre tavoli saranno rispettivamente Cristian Della Chiara, Paolo Clini e Sandro Giorgetti, personalità autorevoli nei tre ambiti individuati.

 

Cristian Della Chiara si occupa attivamente di teatro dal 1996. Completa la sua formazione studiando sotto la guida di Lucia Ferrati, Pietro Conversano, Maria Cassi, Leonardo Brizzi e Eugenio Allegri. Dal 2005 al 2014 è responsabile dell'attività di teatro in carcere presso la Casa di Reclusione di Fossombrone. Responsabile Organizzativo - Ufficio Marketing della Fondazione Pesaro Nuovo Cinema onlus, ente organizzatore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, è Responsabile Comunicazione Ufficio Marketing del Rossini Opera Festival. Dal 2013 è Direttore Artistico dell'Associazione. Amici della Prosa e del Festival Nazionale di Arte Drammatica di Pesaro.

 

Paolo Clini è professore ordinario di Disegno e Rilievo al Dicea, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura all’Università Politecnica delle Marche dove insegna dal 1999. E’ coordinatore scientifico del Centro Internazionale di Studi Vitruviani sullo studio, analisi e comunicazione dell’architettura classica e antica e membro dell’Accademia Raffaello di Urbino. I suoi interessi scientifici riguardano la documentazione digitale dei Beni Culturali finalizzata a nuove modalità di tutela, conservazione e fruizione.

 

Sandro Giorgetti dopo un percorso di studi nel campo della comunicazione si è perfezionato nella conoscenza e l'utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione e si è specializzato in Social Media Marketing. Inizia la sua esperienza professionale come responsabile di alcuni importanti uffici turistici e oggi è responsabile del Social Media Team delle Marche. E' ritenuto la personalità più importante in tema di social network nella Regione Marche e tra le più autorevoli a livello nazionale.

Stati Generali della Cultura: successo per i lavori del tavolo "uso e fruizione del patrimonio culturale della città e del territoro: l'apporto dell'ICT".

FANO – Ieri, 7 maggio, hanno preso avvio i lavori degli Stati Generali della Cultura del Comune di Fano. Il primo tavolo sul tema dell'uso e fruizione del patrimonio culturale con l'apporto dell'ICT – Tecnologie dell'Informazione e delle Comunicazioni, è stato moderato dal Prof. Paolo Clini, Direttore del Dipartimento di Architettura del DICEA dell'Università Politecnica delle Marche. Seguiranno oggi quello sugli impatti sociali e economici della cultura a Fano e, domani, quello su Branding e Comunicazione.


Il primo tavolo assai partecipato ha avuto un carattere marcatamente laboratoriale. Dalla presentazione delle avanguardie tecnologiche in merito alla promozione del patrimonio culturale avanzata dal prof Clini, si è mosso un dibattito vivace, competente che ha coinvolto sia esperti di promozione culturale, che tecnici dell'ICT, che imprese attive nel settore.


Si sono profilate tre principali sottocampi di indagine e confronto attorno al tema dell'ICT: l'ICT come strumento democratico di divulgazione di contenuti culturali, con carattere suggestivo e spettacolare; l'ICT come strumento di fruizione e uso della città; l'ICT come occasione di comunicare la città anche quale destinazione turistica.


I lavori del primo tavolo saranno aggiornati al 21 maggio p.v alle ore 17,30 alla MEMO, Mediateca Montanari, laddove i partecipanti potranno presentare soluzioni concrete, innovative di applicazione dell'ICT. Per quanto riguarda la qualificazione del prodotto culturale, il Carnevale e la Romanità rivestiranno un posto privilegiato.


Gli esiti dei tavoli saranno riferiti nella seduta plenaria del 26 maggio alle ore 8,30 alla Sala Verdi del Teatro della Fortuna.

FOTO DEI TAVOLI DI LAVORO

Stati Generali della Cultura 01
Stati Generali della Cultura 02
Stati Generali della Cultura 03
Stati Generali della Cultura 04
Stati Generali della Cultura 05
Stati Generali della Cultura 06